Sintomi di rinnovamento senile

Il mio intervento apparso (leggermente dimagrito) su Il Piccolo di oggi, venerdì 5 agosto:

RINNOVAMENTO (DEI METODI DELLA POLITICA)

‘Rinnovamento’ sembra essere oggi l’asso pigliatutto delle competizioni elettorali. A essere sinceri c’è motivo di sospettare che lo sia sempre stato, soltanto che i propugnatori odierni del rinnovamento allora ancora non c’erano, e non possono ricordarlo. A scanso di equivoci: chi scrive, se non altro per essere il più giovane eletto in consiglio comunale, non può che schierarsi a favore del rinnovamento. Sarebbe però opportuno intendersi sul significato della parola, soprattutto da quando viene invocata a gran voce da tutti, indipendentemente dallo schieramento politico e (stupirà di più) dall’età.

Se rinnovamento significa soltanto sostituire, nelle assemblee elettive, persone meno giovani con persone più giovani, in tal caso mi sentirei di dire che non è cosa che mi interessa. Anche perché la giovinezza, ed è giusto che sia così, si spinge sempre 15 anni più in là rispetto alla propria età. E in questo mondo (in questa città in particolare) uno più vecchio lo si trova sempre.

Se rinnovare la politica significa invece rinnovarne i contenuti, ma soprattutto i metodi, il punto di vista cambia radicalmente. In questo senso l’etichetta della rottamazione – di cui qualcuno ha voluto fregiarsi nel panorama politico nazionale – è poco adatta agli intenti: l’auto da rottamare si cambia integralmente, mentre il rinnovamento di contenuti e metodi della politica non può che prefiggersi l’arduo compito di tenersi stretto ciò che è buono e abbandonare ciò che non lo è. E fare ciò senza curarsi se si trattasse di pratiche praticate dai “nostri” o dagli “altri” (salvo poi scoprire che le peggiori pratiche erano praticate da tutti).

Vi è però almeno un grande vantaggio di un’assemblea rinnovata nei suoi componenti: l’affrancamento dalle pratiche che le “vecchie volpi” della politica hanno, nella maggior parte dei casi, sia subito che posto in essere. Un’assemblea rinnovata, qual è in parte significativa l’attuale Consiglio comunale, non ha torti da riparare né conti da sistemare.

Ed è questo un capitale ingente, per realizzare quella discontinuità che i cittadini chiedono disperatamente.

La partita della nuova elaborazione della variante generale al piano regolatore è un’ottima occasione per far rendere questo capitale, ragionando “spregiudicatamente”, ovvero con la mente sgombra da ogni pregiudizio e al netto di ogni conto da saldare. Anche perché il tentativo di fare un saldo dei conti aperti fino a oggi avrebbe esiti pirandelliani: tanto l’adozione della variante 118 (amministrazione Dipiazza), quanto l’approvazione della variante 66 (amministrazione Illy) sembrano essere avvenute all’insaputa della politica, che le rinnega entrambe (quasi) unanimemente. Come se non bastasse parte della minoranza di oggi (maggioranza di ieri) ci chiede ritmi forsennati (che sarebbero in ogni caso inidonei al fine) per impedire alla variante 66 di rientrare in vigore, dimenticando che gli stessi che sono oggi a chiedere un’affrettata toppa hanno avuto 10 anni a disposizione per cucire un nuovo vestito.

Insomma: molto meglio guardare avanti.

Una variante generale al piano regolatore è un atto complesso che richiede non toppe affrettate bensì la composizione di interessi fisiologicamente contrapposti; che necessita – allo stesso tempo – di adattarsi allo sviluppo futuro della città e di determinarlo. E, in forza di queste sue caratteristiche, richiede alla politica di fare delle scelte, ovvero – per definizione – di esercitare la sua funzione propria. L’incontro pubblico di lunedì 1 agosto, alle 18.30 nell’auditorium del museo Revoltella, mi è sembrato un rinnovato, e ottimo, punto di partenza del nuovo iter.

Share

Annunci

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...