Stop: the train is leaving

La foto è scattata sabato 21 gennaio, al Museo ferroviario di Campo Marzio, dove una delegazione democratica si è recata per raccogliere l’accorato appello edi Volontari SAT (sezione appassionati trasporti) del DLF. Gente che offre (gratis) la propria passione per mantenere un museo splendido, che rischia forte. E noi si rischia non solo di perdere il nostalgico ricordo, o la memoria storica – ad esempio – delle locomotive naziste della morte (sullo sfondo della foto se ne intravede un esemplare). Assieme al passato, in quella stazione di Campo Marzio, rischiamo di perdere il futuro, perché il treno come mezzo di trasporto – checché se ne dica – dopo centanni non è affatto un’anacronistica nostaglia.

Ecco perché cade a pennello questo pezzo di P. Rumiz, comparso su Repubblica.

Ecco perché il prossimo incontro del Sindaco con l’AD di Trenitalia Moretti è un appuntamento importante, che giunge dopo l’audizione in consiglio dell’assessore regionale ai Trasporti Riccardi e dopo il viaggio (meglio, l’odissea ferroviaria) del Sindaco Cosolini a Vienna, che ha voluto essere anche una dimostrazione simbolica.

Isolati? No grazie, siamo sulla terraferma.

Share

Annunci

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...