Le (non) risposte della Presidente Monassi

Ieri sera audizione della Presidente dell’Autorità Portuale Monassi. L’invito recava sostanzialmente questo titolo “Dunque, il Porto?”. Serata decisamente interessante, che si apre con la relazione della Nostra: relazione che il Piccolo – non il Manifesto – definisce “un paio di slide sfuocate”. Poi la parola ai consiglieri, e l’atmosfera si scalda. Con i Grillini che aggrediscono la nostra, più per chi è, che per quello che (non) fa; con Bandelli che cambia discorso e chiede “come sta Giulio [Camber]?”; con i 10 minuti di applausi del PdL (più o meno come il video in fondo), il silenzio imbarazzante di Antonione (“rinuncio alla parola”, già, perché va tutto bene e abbiamo il migliore dei Porti possibili), con, soprattutto, la caterva di quesiti, puntuali, sul pezzo, non gratuitamente polemici, da parte della maggioranza. Più o meno questi:

Piano regolatore del Porto, dopo due anni è tutto fermo? Concessione a Greensisam, sono passati otto anni, e dove sono le gru? Concessione a Portocittà, sono passati due anni e dove sono le gru? Piattaforma logistica, dove sono i soldi? Veramente si vuole introdurre una tassa sugli ormeggi? Cosa si farà per attrarre l’interessamente di operatori ferroviari che consentano di superare l’assurda situazione odierna (due operatori, uno per fare 400m…)? Cosa si vuol fare con il vettore ferroviario Adriafer? Si vuol davvero fare una strada in mezzo alla Sertubi, paralizzando ogni possibilità di espansione industriale? Il progetto di portualità regionale non sarà mica la solita miope fregatura per Trieste, che è e non può che essere porto inter-nazionale? Perché la riduzione toccate delle navi da crociera rispetto alle previsioni? Si continuerà a litigare dentro TTP per la spartizione delle cadreghe, oppure si comincerà a fare qualcosa?

Della replica non è tanto impressionante l’inconsistenza complessiva, con alcune uscite disinvolte nel contesto istituzionale (“sono un’inguaribile ottimista, che ve devo dì, nella vita c’ho sempre avuto fortuna” (sic!); “il Progetto Unicredit a Monfalcone io non l’ho mai visto, che ne so, se l’avessi visto e dicessi bugie sarei cretina”…), bensì il fatto che di fronte a un’ora di quesiti sul futuro di una partita cruciale della nostra città, la Presidente dell’autorità portuale (non) ha risposto in pochissimi minuti di orologio, dimostrando un disinteresse totale, e poi – dopo aver detto, “beh il Sindaco ha già detto molte cose” (ma chi è il Presidente dell’autorità???) – si è detta da sola “vabbé, mi pare che ho risposto a tutto, grazie e arrivederci”. Se non ci credete, vi procuro il verbale.

A fianco di questa inconsistenza, spiccava la straordinaria grandezza del Sindaco, che – lo hanno riconosciuto tutti tutti ieri sera – ha mostrato ancora una volta la sua competenza, visione, capacità, cuore. Il problema è che mentre il Sindaco fa il Sindaco, il Presidente dell’autorità portuale dovrebbe fare il Presidente dell’autorità portuale.

Share

Annunci

One thought on “Le (non) risposte della Presidente Monassi

  1. Grazie per averci rappresentato compiutamente l’arroganza di chi si sente intoccabile. Spero solo che prima o dopo tutto questo possa cambiare. Possibilmente prima che la città muoia, comunque…

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...