Lettera aperta a Serracchiani

Lettera aperta alla Segretaria regionale Serracchiani dai democratici della generazione ’80.

Cara Segretaria,

il Partito Democratico deve prendere atto che in tutta Italia la politica è investita da una nuova “questione morale”: indennità, vitalizi, enti inutili e proliferazione di società controllate sono soltanto alcuni degli oggetti verso i quali si esprime un diffuso dissenso civile che ormai non riguarda soltanto i partiti, ma si sta estendendo alle stesse Istituzioni.

Consapevoli che tali critiche trovano in realtà fondamento soprattutto nella qualità dell’azione politica degli ultimi decenni, crediamo che il nostro Partito, a tutti i livelli, possa e debba farsi carico di queste istanze per riconquistare credibilità e fiducia. In caso contrario ci troveremo sempre più spesso davanti a movimenti demagogici e populisti che, screditando le istituzioni ed organi di rappresentanza per conquistare facile consenso, rischiano di minare e mettere a repentaglio il sistema democratico basato sulla Costituzione repubblicana.

Il nostro Partito deve agire senza reticenze affinché si raccolgano le istanze dei cittadini per ridurre e rendere più efficiente la spesa pubblica a partire dalla politica; valorizzare capacità e competenze di donne e uomini che offrono il loro tempo e le loro energie a servizio della comunità; investire su un ricambio generazionale nella classe dirigente di un Paese che è sempre più vecchio e sempre più stanco. Noi che non siamo né vecchi né stanchi, che dedichiamo i nostri rispettivi incarichi all’obiettivo di riconquistare un’idea di futuro, avvertiamo il disagio di fare politica in una società nella quale ciò è quasi percepito come un motivo di vergogna.

A livello regionale il nostro Partito può e deve comunicare di più e meglio a iscritti, cittadini ed elettori quanto già fa, perché se è vero che tra noi e gli altri la differenza c’è, è anche vero che troppo pochi se ne accorgono. Ma soprattutto il Partito deve fare di più, mettendo in campo quotidianamente un’azione concreta per venire incontro a questa domanda politica: il nostro Partito chieda ai rappresentanti istituzionali a ogni livello di rinunciare da subito a tutto ciò che non è necessario a svolgere la funzione istituzionale con dignità e onore, e dai cittadini è percepito come privilegio odioso.

Il nostro Partito chieda di tornare indietro sulle scelte che i nostri eletti hanno operato su indennità e vitalizi e che hanno suscitato tanto sdegno; chieda una significativa riduzione delle indennità e la rimozione dei vitalizi a decorrenza immediata; chieda ai rappresentanti negli enti, o a chi può determinare ciò, di commisurare i loro emolumenti al contesto drammatico che oggi si respira, fatto di disoccupazione e precarietà. Poniamo in essere azioni che consentano l’ingresso nella gestione della cosa pubblica di più donne e più giovani. Chiediamo di prendere, anche, una decisione chiara e netta sulla questione delle Province.

Cara Segretaria, sei stata investita da cittadini ed elettori di una missione nuova nel Partito e nella società sulla scorta di un entusiasmo non comune e di una speranza di rottura con il passato. In questo momento l’Italia, il Friuli Venezia Giulia e il Partito Democratico hanno bisogno come non mai di speranza e rilancio.

Pietro Faraguna – Vicesegretario provinciale, consigliere comunale, 29 anni; Andrea Simone Lerussi – Segretario provinciale, consigliere provinciale, 27 anni; Luca Abriola – Segretario di circolo, 29 anni; Giovanni Barbo – Consigliere comunale, 34 anni; Davide Bonetto – Segretario di circolo, 29 anni; Luca Braidotti – Segretario di circolo, 30 anni; Rudi Buset – Segretario provinciale GD, consigliere comunale, 23 anni; Elena Chiarandini – Consigliere circoscrizionale capogruppo, 24 anni; Francesco Contin – Segretario di circolo, 24 anni; Marco Del Negro – Segretario di circolo, consigliere comunale, 29 anni; Elisa De Sabbata – Assessore comunale, 31 anni; Eugenia Fenzi – Consigliere provinciale, 30 anni; Francesco Foti – Segretario di circolo, 27 anni; Guglielmo Montagnana – Presidente di circoscrizione, 26 anni; Fiammetta Montanari – Segretaria di circolo, 28 anni; Matteo Puppi – Consigliere provinciale, segretario provinciale GD, 24 anni; Luca Salvati – Consigliere provinciale, 29 anni; Alessandro Venanzi – Consigliere comunale, 30 anni; Daniele Villa – Segretario di circolo, consigliere circoscrizionale, 22 anni; Manuel Zerjul – Consigliere comunale, 31 anni

Share

Annunci

One thought on “Lettera aperta a Serracchiani

  1. Pingback: ll Comune non compra megayacht | Pietro Faraguna

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...