due etti di politica

Ogni anno impazza il consueto articolo sulle presenze dei Consiglieri in aula. Bersaglio facile del 2012 è l’ex Sindaco Dipiazza, che certo non si vede spesso, ma la cui presenza è quantomeno rappresentativa di un sentire cittadino.

Metto subito le cose in chiaro: il sottoscritto è nella media: in 12 mesi un’assenza a una seduta di consiglio (37/38), e un’assenza dopo le 24. Considerato che il matrimonio di solito è la scusa delle scuse, che una volta sono stato assente perché ero in viaggio di nozze, e un’altra sono andato a nanna perché – appunto – il giorno dopo mi sposavo, non ho nessun motivo di agitarmi per questa pratica di pubblicare le tabelline.

Certo che misurare la qualità dell’azione politica è una vera follia, di quelle derive per la trasparenza che piaccono alla “ggente” e che al “potere ci temono”.

Così come è vaneggiante pesare la qualità di consiglieri regionali e parlamentari in base al numero di atti presentati (metodo che fa risultare Ferone dei Pensionati un grande politico).

Come misurare quindi la qualità dei propri rappresentanti? In qualunque modo possibile, nel 2013 in particolare: ai propri rappresentanti si può scrivere, telefonare, postare, twittare; si possono seguire in streaming, che neanche il grande fratello… Ma con un obiettivo semplice: misurarne la capacità di essere rappresentativi.

E poi, alla fine, c’è sempre un metro antico: i risultati,

Share

Annunci

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...