TAV

L’Alta Velocità / Alta Capacità si schianta – metaforicamente – sul Palazzo comunale di Trieste. La Giunta per la prima volta propone una delibera che non passa. Si va sotto, 19 a 17. C.V.D. Dalla maggioranza votano contro la Federazione delle Sinistra, SEL, Bassi (ex IDV, che da un po’ spinna intorno all’amo grillino). Per l’amor del cielo: nessun terremoto, si tratta di un parere né obbligatorio né vincolante. Che non arriverà alla Regione. Nessun terremoto, tanto che arrivava in aula già una delibera di (auspicata, non realizzata) mediazione: si era scelto di non rendere parere – di esprimere un ‘Forse’ al progetto – allegando un’articolata motivazione (per i più perversi, il testo integrale), sulla base di perplessità su un progetto che erano già state espresse nel luglio 2012. Ché è un’opera che, chissà, si farà mai? Ché è divisa in segmenti e in fasi. Ché ha costi importanti, anche rispetto a opere analoghe. Ché ha impatti ambientali ancora riducibili. Ché, però, questo territorio ha un disperato bisogno di connettersi, e non possiamo permetterci di dire di no alle infrastrutture. Considerazioni, tutte queste, che non giungeranno sul tavolo della Regione, che – cambiando una vocale, se ne farà una ragione.

Il significato più importante dunque è di assetto politico. Difficile negarlo: quando si naviga nel lago placido si procede serenamente. Quando si imbocca il mare aperto, in questa città, c’è una trasversale avversione a sostenere uno sviluppo del territorio, dalle piccole alle grandi cose. E in astratto, a parole è bello chiacchierare della civiltà  mirabile dell’Europa del Nord, dei treni che collegano Bruxelles a Parigi in un’ora: poi però se sei duro e puro, dacci contro all’alta velocità. E in concreto, a parole non ci piacciono le macchine sulle rive, poi però i duri e puri votano contro a un progetto che permette di metterle sotto terra, senza un euro di spesa pubblica. A parole siamo vittime dell‘isolamento ferroviario, abbiamo bisogno di infrastrutture per il Porto, di soldi per la piattaforma logistica, poi però per i duri e puri è più importante sventolare la bandiera NoTav – inconferente in questo caso (perché a Trieste, semplicemente, i treni non sfrecceranno ad alta velocità, ma una linea ad alta capacità che consente il passaggio di frequenze di treni superiori a servizio del porto) – e sottrarsi a quella che era una proposta di mediazione che per il partito di maggioranza relativa (il PD, come noto, è favorevole, e non forse, alla TAV/TAC) era già una rinuncia.

Poi, duri e puri, magari finisce che non solo non si va avanti, ma si torna indietro, ci ritroviamo a 10 anni fa (Forza Italia è già pronta…).

Share

Annunci

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...