sentinelle e anti-sentinelle

non essendo (ragionevolmente) ammessa la possibilita’ di autoritwittarsi, cedo a un delirio profetico di onnipotenza determinato dalla verticalita’ di questa citta’ che probabilmente, come il gotico, avvicina a Dio, e – dopo le notizie di oggi sui “disordini” delle antisentinelle contro le sentinelle – mi autocito.

E non vale dire che le notizie sono state esagerate. Era ovvio che sarebbe stato cosi’.
Segue classifica del campionato di intelligenza (se non altro mediatica), con abbondante approssimazione nelle denominazioni: Salvini 1, Sentinelle 1, Antisentinelle 0, centri sociali 0.
Confidiamo nel girone di ritorno.

La partita e’ importante perche’ questa cosa delle sentinelle e’ spaventosa, silenziosa negazione del dibattito, negazione della democrazia. Che si combatte con gli strumenti della democrazia, e possibilmente con buone leggi sull’eguaglianza. Non certo dando loro l’occasione di apparire come vittime.

conferme e sorprese dal caso Furlanič

Per punti, sull’affaire Furlanič:

– troverei curiosa la scelta di deporlo dalla carica di Presidente per aver egli liberamente espresso (sul giornale) idee che noi tutti conoscevamo perfettamente quando l’abbiamo eletto, e trovo pure curioso che la mozione sia ricevibile (senza aver studiato il caso, ci mancherebbe);
non condivido le sue affermazioni, per quanto sia vero che le truppe titine hanno liberato Trieste dai nazifascisti. E poi ci sono voluti gli alleati per liberarla dai titini;
– se te ne esci con il vento di Trieste che “e’ stata liberata dai titini”, ci sta che raccogli tempesta;
– sono sicuro che il mio gruppo, comunque vada, scegliera’ al meglio;
– la straordinaria capacita’ di incasinarsi a sinistra su questioni del tutto irrilevanti rispetto alla vita delle persone e’ una conferma sempre confortante. A destra si schiantano sul piano regolatore, i vincoli alla proprieta’, gli indici edificatori, la (re)distrubuzione dell’ICI. Noi sull’interpretazione politica dei fatti del 1945;
– immediata conseguenza e’ che la questione infiammi gli animi della societa’ tutta, dalle mulone ai muloni, dagli operai della ferriera alle partite IVA, dagli studenti universitari all’ordine dei commercialisti (foto), tutta la citta’ segue con apprensione la vicenda, la cui eco e’ giunta fino a NYC.

foto da ilpiccolo.it

foto da ilpiccolo.it